M.E.T. a #BonaUp, l’evento per gli studenti biellesi

Venerdì 4 novembre gli studenti dell’Istituto Bona di Biella, in occasione del “compleanno della scuola”, hanno partecipato all’evento #BonaUp. Tra gli enti e le aziende invitate c’era anche la nostra, rappresentata da Giancarlo Zanola titolare insieme al fratello Gilberto.

“Il cambiamento è inevitabile” era il tema portante di questa giornata formativa rivolta agli studenti del quarto e quinto anno dell’istituto superiore. La finalità era di presentare ai ragazzi alcune realtà aziendali del territorio e approfondire il tema del cambiamento nel mondo del lavoro e dell’impresa.

L’azienda vista da vicino

Durante i quattro incontri con le classi, tenuti da Giancarlo nel corso della mattinata, la partecipazione è stata alta e attenta.
“I ragazzi si sono approcciati alla nostra realtà aziendale scoprendo la nostra storia, la sua evoluzione e il forte legame con il territorio biellese. Inoltre, visionando i campionari hanno potuto scoprire le nostre etichette tessute, rimanendo stupidi dalla varietà e dal dettaglio delle lavorazioni” racconta Giancarlo.

Il mercato del lavoro nel settore delle etichette

Gli studenti dell’Istituto Bona hanno manifestato interesse verso le figure professionali che lavorano nella nostra azienda familiare, scoprendo così che sono più variegate di quanto immaginassero: dai tessitori all’amministrazione, dal reparto grafico al controllo qualità.
“Non avevo mai fatto nulla di simile – aggiunge Giancarlo – e sono rimasto affascinato dall’attenzione degli studenti che, da qui a breve, entreranno nel mondo del lavoro”.

Il cambiamento a seguito della pandemia

Un argomento quanto mai attuale è stata l’incidenza del Covid-19 sulle imprese. Al di là delle considerazioni sulla sfera produttiva, Giancarlo ha portato all’attenzione un esempio rappresentativo: la vita relazionale all’interno della M.E.T.
Con la pandemia abbiamo attuato un protocollo aziendale mirato a preservare la salute di tutti i dipendenti. Tra le iniziative ancora attive ci sono gli ingressi e le uscite contingentati, così come il distanziamento negli uffici e negli spogliatoi”.

Una foglia fustellata come esempio di sostenibilità

“In ogni intervento, tra le numerose tematiche presentate, abbiamo dedicato uno spazio anche alla sostenibilità, tema che ci sta particolarmente a cuore”.
Presentando le nostre etichette Re-Life®, realizzate con filato riciclato ottenuto dalla fusione di bottiglie di plastica PET, i ragazzi hanno potuto vedere un esempio concreto di economia circolare.

Sono stati poi descritti alcuni dei comportamenti virtuosi che ci hanno permesso di arrivare sino ad oggi: il recupero e riciclo dei materiali, l’utilizzo di filato riciclato per creare etichette ecosostenibili, l’alimentazione dei processi produttivi tramite l’impianto fotovoltaico. “Questo ci ha consentito di ottenere la certificazione GRS, ultimo grande traguardo che conferma il nostro impegno verso il Pianeta” conclude Giancarlo.